Home| Chi siamo| Cosa facciamo| Perchè siamo nate | Spiritualità| La nostra storia | Libreria| Fondatore|Famiglia Paolina| Preghiere |Archivio | Links | Scrivici | Area Riservata |Webmail | Mappa del sito

 

SALE NON MIELE

 

“Il buon Dio non ha scritto che noi fossimo il miele della terra, ragazzo mio, ma il sale. Ora il nostro povero mondo rassomiglia al vecchio padre Giobbe, pieno di piaghe e di ulcere nel suo letame. Il sale, su una pelle a vivo, è una cosa che brucia. Ma le impedisce anche di marcire”. Prendendo spunto da questa cruda ma realistica frase di Georges Bernanos, Luigi Maria Epicoco sacerdote della Diocesi dell’Aquila, dà il via ad una provocatoria riflessione su una certa visione “buonista” della fede. La vita cristiana è molto di più, e in questo suo ultimo libro “Sale non miele”, lo dimostra rileggendo esperienze concrete di vita e alcuni episodi scelti della Bibbia alla luce delle tre virtù teologali: Fede, Speranza, Carità. L’obiettivo non è fornire una ricetta per la perfetta vita cristiana, ma ricordarci che la vita di fede non dipende da nessuna legge che non sia la Carità di Cristo donata a noi nel Battesimo. Infatti i santi sono quelli a cui “funziona” il Battesimo, persone che hanno saputo incarnarne tutte le potenzialità vivendo e testimoniando un’esistenza gioiosa e libera perché amata. La santità richiede talvolta di essere forti non buoni, scaltri non ingenui, decisi non remissivi. La faccenda è seria perché dalla buona riuscita della nostra avventura dipende la qualità del resto del mondo: «Voi siete il sale della terra; ma se il sale perdesse il sapore, con che cosa lo si potrà render salato? A null’altro serve che ad esser gettato via e calpestato» (Mt 5,13). Una parola che da

sapore alla vita la possiamo donare anche ai piccoli in occasione di questo Natale, con il libro “La storia di Tutto” (Salani Editore). Dalla Creazione a Noè, dall’albero del bene e del male a Davide, passando per Abramo, Giacobbe, l’Esodo, poi Giona e Tobia, fino ad arrivare ai più significativi racconti del Nuovo Testamento. Giovanni Nucci racconta le storie della Bibbia senza nessuna retorica, con l’intento di rendere queste storie normali, quotidiane e alla portata della mente semplice ed immediata di bambini e ragazzi. Cioè di chi, come dice lo stesso Vangelo, è destinato a poterle veramente comprendere: «Ti rendo lode, o Padre, Signore del cielo e della terra... perché hai rivelato queste cose ai piccoli» (cfr. Mt 11,25).

Rosaria G.